Home > Aree Tematiche > Regolazione del Mercato > Strumenti di Misura

ultimo aggiornamento 13.01.2014

Verifica Periodica

Leggi la pagina

VERIFICA PERIODICA

La verifica periodica degli strumenti di misura diversi da quelli di tipo MID (clicca su icona “strumenti MID”) consiste nell'accertare l'affidabilità metrologica nel tempo degli strumenti di misura nonchè l’integrità dei marchi e dei sigilli di garanzia.

Per “strumenti di misura” si intendono le misure di capacità diverse da quelle di vetro, terracotta e simili nonché gli strumenti per pesare o per misurare diversi dalle misure lineari, la cui utilizzazione riguarda la determinazione della quantità e/o del prezzo nelle transazioni commerciali, comprese quelle destinate al consumatore finale.

Ad esclusione dei misuratori del gas, acqua ed elettrici, tutti gli strumenti devono essere sottoposti alla verifica periodica entro 60 giorni dall'inizio della loro prima utilizzazione e, in seguito, secondo la  periodicità così come riportata nella tabella che segue:

CATEGORIA

PERIODICITA' DELLA VERIFICAZIONE

masse e misure campione; misure di capacità, comprese quelle montate su autocisterna

5 anni

strumenti per pesare

3 anni

complessi di misura per carburanti

2 anni

misuratori di volumi di liquidi diversi da carburanti e dall'acqua

4 anni

misuratori massici di gas metano per autotrazione

2 anni

strumenti per la misura di lunghezze compresi i misuratori di livello dei serbatoi

4 anni

strumenti diversi da quelli di cui alle righe precedenti

secondo l'impiego e secondo la periodicità fissati, con provvedimento del Ministro dell'industria, sentito il Comitato centrale metrico

Note:

Le masse che sono di ausilio agli strumenti per pesare di qualsiasi tipo sono sottoposte a verificazione con la stessa periodicita' degli strumenti di cui sono ai fini metrologici, parte funzionalmente essenziale ed integrante.

Le masse di ausilio agli strumenti per pesare a funzionamento non automatico delle classe di precisione I e II sono esenti dal bollo periodico.

 

La verifica periodica è eseguita dalle Camere di commercio, ovvero dai Laboratori accreditati muniti dell'idoneità riconosciuta dalla Camera di commercio da cui dipendono (cliccare su icona “Laboratori accreditati”).

Nel caso di strumenti per pesare a funzionamento non automatico verificati e marcati CE dal fabbricante che opera secondo il sistema di garanzia della qualità della produzione (cliccare su icona “Verifica CE”), la verifica periodica può essere eseguita per la prima volta nello stabilimento o sul luogo di utilizzazione dal fabbricante stesso.

Nel caso il fabbricante abbia ottenuto la concessione di conformità metrologica (cliccare su icona “Verifica prima”), la verifica periodica degli strumenti di tipo fisso può essere eseguita per la prima volta dal fabbricante stesso sul luogo di utilizzazione.

 Per richiedere la verifica periodica occorre formulare apposita domanda compilando il Mod. VP (Richiesta verifica periodica). Nella domanda l'interessato, indicando il luogo in cui intende effettuare la verifica, identifica gli strumenti che sottopone al controllo.

La Camera di Commercio di Napoli fornisce l’attrezzatura di prova per gli strumenti per pesare fino alla portata massima di 30 kg, e per strumenti per misurare fino alla portata massima di 50 litri al minuto; per le altre tipologie di strumenti l’attrezzatura di prova prevista dalla normativa vigente deve essere fornita dall’utente metrico.

L'esito positivo della verificazione periodica è attestato mediante l'applicazione di una targhetta autoadesiva avente forma quadrata con lato maggiore o uguale a 4 cm di colore verde, con carattere di stampa nero, distruggibile con la rimozione, indicante la data di scadenza della stessa.

VERIFICA PERIODICA SCADENZA

MESE

ANNO

MESE

1

XXXX

(anno di scadenza)

7

2

8

3

9

4

10

5

11

6

12

Nota:

Nel caso il contrassegno venga applicato su strumenti verificati per la prima volta dal fabbricante che opera secondo il sistema di garanzia della qualità della produzione o su strumenti di tipo fisso dal fabbricante che abbia ottenuto la concessione di conformità metrologica , sotto l'anno di scadenza deve essere riportato il marchio del fabbricante.

 

In caso di esito negativoè ammesso ricorso gerarchico al Segretario Generale della Camera di Commercio di Napoli.

Si ricorda, inoltre, che:

1.     Gli strumenti che in verifica periodica risultano fuori dal campo degli errori massimi ammissibili o non metrologicamente affidabili, per i quali il funzionario responsabile della camera di commercio ha emesso un ordine di aggiustamento, non possono essere utilizzati dall’utente metrico fino al momento in cui non li fa riparare e contestualmente richiede una nuova verifica periodica.

2.     L’utente metrico che, indipendentemente da un ordine di aggiustamento, provvede alla riparazione dei propri strumenti comportanti la rimozione di sigilli ed etichette deve richiedere una nuova verifica periodica.

3.     Nel caso di riparazione di strumenti metrici elettronici, la verifica periodica dovrà essere corredata da una dichiarazione con la quale il riparatore autorizzato assicura che lo strumento non ha subito modificazioni e mantiene i requisiti originari dichiarati dal fabbricante per l’ammissione a verificazione metrica. Egli ha l’obbligo di fornire l’indicazione precisa del tipo di intervento di riparazione o di tarature eseguito, nonché del numero e della funzione dei bolli asportati.

4.     Gli utenti metrici sono soggetti all'obbligo di:

·         garantire il corretto funzionamento dei loro strumenti, conservandone ogni documento;

·         mantenere l'integrità della targhetta di verificazione, nonché di ogni altro sigillo presente sullo strumento;

·         non utilizzare gli strumenti non conformi o difettosi o inaffidabili dal punto di vista metrologico, a pena di severe sanzioni amministrative.

 

I sistemi self service sono stati oggetto recentemente di due direttive del Ministero dello Sviluppo economico:

·         Direttiva 14 ottobre 2011 applicabile ai distributori di carburanti conformi alla cosiddetta direttiva MID(clicca su icona strumenti MID) associati ad apparecchiature ausiliarie oggetto di un’approvazione a livello nazionale

·         Direttiva 14 marzo 2013 applicabile ai distributori di carburanti associati ad apparecchiature ausiliarie


Da una lettura comparata delle due direttive si desume che i sistemi self-service nazionali, compresi i sistemi gestionali, unitamente ai SSD(self-service device, apparecchiatura ausiliaria munita di certificato di valutazione CE rilasciato da un organismo notificato) sono esonerati dall'obbligo della verificazione periodica e su di essi non si applica il relativo contrassegno. Il contrassegno di verificazione periodica si applica solo sui distributori di carburante nazionali e MID. Permane per i sistemi self-service nazionali l'obbligo di essere muniti di un'approvazione ministeriale.

Il fabbricante metrico che effettua il collegamento tra il distributore ed il Self, dovrà redigere solo la lista di controllo di cui allegato I delle direttive in parola.

Tale lista di controllo è redatta in 3 esemplari di cui: l'originale è conservato a cura del fabbricante, uno è trasmesso a cura dello stesso alla CCIAA competente per territorio e l'ultimo è tenuta a disposizione delle Autorità di controllo da parte dell' Utente metrico.

Il fabbricante titolare dell’approvazione rilasciata a livello nazionale fornisce, insieme al distributore di carburante o all’apparecchiatura ausiliaria, una dichiarazione dei protocolli di comunicazione utilizzati per il colloquio con il SSD o con i distributori di carburante MID. Copia di tale dichiarazione è allegata alla suddetta lista di controllo.

 

 

 RIFERIMENTI NORMATIVI

 

·         D.M. 28 marzo 2000 n. 182 (Regolamento recante modifica ed integrazione della disciplina della verificazione periodica degli strumenti metrici in materia di commercio e di camere di commercio)

·        Circolare Ministeriale 17 settembre 1997 n. 62/552689 (Strumenti di misura elettronici. Ammissione    a verificazione metrica e verificazione)

·         Direttiva 4 aprile 2003 (Indirizzo e coordinamento in materia di operazioni di verificazione periodica degli strumenti di misura)

·         Direttiva 14 ottobre 2011 (Indirizzo e coordinamento tecnico in materia di operazioni di verificazione dei distributori di carburanti conformi alla direttiva 2004/22/CE, attuata con il decreto legislativo 2 febbraio 2007, n. 22, associati ad apparecchiature ausiliarie ammesse alla verificazione metrica ai sensi della normativa nazionale)

·         Direttiva 14 marzo 2013 (Indirizzo e coordinamento tecnico in materia di operazioni di verificazione di distributori di carburante associati ad apparecchiature ausiliarie, di semplificazione e di armonizzazione tecnica alla normativa comunitaria)

Per informazioni rivolgersi a: Ufficio Metrico

Riferimento:Rosario Gaudiosi
Indirizzo:Corso Meridionale n. 58 (Borsa Merci) - 80141 Napoli
Telefono:0817607504 - 0817607709 - 0817607911 - 0817607615 - 0817607619
E-Mail:metrico.ispezioni@na.camcom.it PEC:regola.mercato@na.legalmail.camcom.it
Orari:MATTINO (per l’erogazione di servizi al pubblico) Lunedì-Martedì-Mercoledì-Giovedì : 8.50-12.00 Venerdì : 8.50-11.30 POMERIGGIO (per la fornitura di sole informazioni al pubblico) Martedì e Giovedì : 14.00-15.00