Ravvedimento operoso

Print and PDF
L'art. 13 del D.Lgs 472/97 prevede l'istituto del ravvedimento operoso che consente di sanare spontaneamente, ove non vi sia stata prima constatazione ed entro determinati limiti di tempo, violazioni ed omissioni con il versamento di sanzioni ridotte, la cui entità varia a seconda della tempestività del ravvedimento e del tipo di violazione.
Se la regolarizzazione avviene entro 30 giorni dalla violazione si parla di ravvedimento "breve" con una sanzione pari ad 1/8 dei minimi previsti *, se invece si vuole regolarizzare entro un anno dalla violazione si parla di ravvedimento "lungo" con una sanzione pari ad 1/5 dei minimi edittali *. Gli interessi saranno calcolati anno per anno secondo i tassi legali allora vigenti**. Il Ministero dello Sviluppo Economico con circolare n.3567/c del 16/10/03 ha stabilito che si può applicare il ravvedimento operoso anche nei casi di omesso o tardato versamento del diritto annuale dovuto alle Camere di Commercio. L'Ufficio Diritto Annuale fornirà a chi volesse regolarizzare tali pagamenti le indicazioni necessarie.

*  il minimo è il 30%- pertanto la sanzione per ravvedimento breve è il 3,75% mentre per ravvedimento lungo è il 6%.
**  dal 01/01/2001 al 31/12/2001 = 3,5%
     dal 01/01/2002 al 31/12/2003 = 3,0% 
     dal 01/01/2004 al 31/12/2007 = 2,5%
     dal 01/01/2008  al 31/12/2009= 3,0 %
     dal 01/01/2010 = 1%
     dal 01/02/2011= 1,5%prova