Notizie in evidenza

 Home / Notizie in evidenza
Print and PDF

Coronavirus, lavoro: previsti oltre 420mila occupati in meno nel 2020

La metà dei posti persi nel turismo

Possibili 420mila occupati in meno nel 2020. E’ quanto emerge dall'aggiornamento realizzato a marzo da Unioncamere del modello di previsione dei fabbisogni occupazionali delle imprese private dell’industria e dei servizi che, sfruttando l’insieme delle informazioni a disposizione del sistema delle Camere di Commercio italiane, consente di effettuare un primo approfondimento per l’anno 2020 caratterizzato dall'emergenza COVID-19. Si tratta di uno scenario di crisi senza precedenti, in cui l’economia nazionale e internazionale è stata colpita da uno shock di ingenti proporzioni sia dal lato della domanda che da quello dell’offerta.

 

Le prime stime presentate in questo report considerano uno scenario intermedio di progressiva uscita dalla crisi e di ripresa delle attività economiche entro il mese maggio, senza comunque tener conto dei possibili effetti delle misure a sostegno dell'economia che saranno attivate a livello nazionale ed europeo, dal momento che sono ancora in via di definizione.

 

Nel 2020, al netto dei lavoratori che beneficeranno della cassa integrazione guadagni ordinaria o in deroga, si stima un calo dello stock di occupati dei settori privati dell’industria e dei servizi, in media annuale, di 422mila unità rispetto al 2019 (-2,1%). Infatti, si prevede per gli indipendenti una riduzione di 190mila unità (-3,4%) e per i dipendenti privati di 232mila unità (-1,6%).

 

Saldi occupati privati industria e servizi previsti nel 2020 (valori assoluti)*

 

SALDI 2020 (v.a.)

Totale

-422.100

 

  di cui:

   
 

  Dipendenti privati

-232.000

 

  Indipendenti

-190.100

   

Industria

-113.300

  di cui:

 

  Industria della moda (tessili, abbigliamento, pelli e calzature)

-19.300

  Industrie farmaceutiche

1.200

  Industrie della gomma e delle materie plastiche

-10.100

  Industrie metallurgiche e dei prodotti in metallo

-17.400

  Meccatronica (meccanica, industrie elettroniche ed elettriche)

-10.100

  Costruzioni

-30.800

  Altre industrie

-26.800

   

Servizi

-308.800

  di cui:

 

  Commercio

-72.300

  Servizi di alloggio e ristorazione; servizi turistici

-219.900

  Servizi di trasporto, logistica e magazzinaggio

-18.100

  Servizi ICT

7.600

  Sanità, assistenza sociale e servizi sanitari

26.000

  Servizi culturali, sportivi e altri servizi alle persone

-23.800

  Altri servizi

-8.300

 

*Vengono evidenziati i settori con i maggiori saldi postivi e negativi.

Fonte: Unioncamere

 

Dall’analisi dei principali comparti produttivi, in particolare, si evidenzia una flessione stimata di 113mila unità nell’industria e di circa 309mila nei servizi. Il turismo risulta il settore maggiormente in sofferenza, con un calo stimato nel 2020 di 220mila occupati, ma si stimano ampie flessioni nello stock di occupati anche nei comparti delle costruzioni (-31mila unità), della moda (-19mila unità), della metallurgia (-17mila unità), della meccatronica (-10mila unità) e delle industrie della gomma e delle materie plastiche (-10mila unità). Per quanto riguarda i servizi, oltre al dato del turismo si segnalano importanti riduzioni degli occupati nel commercio (-72mila unità), nei servizi culturali, sportivi e altri servizi alle persone (-24mila unità) e nel trasporto e logistica (-18mila unità).

 

I settori per i quali si può prevedere un saldo positivo sono quelli della sanità (+26mila unità), dei servizi ICT (+8mila unità) e le industrie farmaceutiche (+1.200 unità).

 

Nei prossimi mesi Unioncamere potrà formulare uno scenario più aggiornato, tenendo conto del DEF e delle stime del Governo sugli impatti degli interventi a sostegno dell’economia del Paese nonché delle previsioni dei principali Istituti internazionali sull’evoluzione della crisi, per il quinquennio 2020-2024.

 

 

 

Nota metodologica:

Le stime sulle variazioni degli occupati dei settori privati dell’industria e dei servizi sono ottenute attraverso l’implementazione di un modello econometrico che stima l’evoluzione dello stock degli occupati medi annui (da Istat, Contabilità nazionale)considerando le previsioni sul PIL come variabile esogena. In questa edizione è stata rivista la formulazione tradizionale del modello in modo da poter tener conto dello shock derivante dall’emergenza sanitaria conseguente alla diffusione dell’epidemia Covid-19 e dei diversi impatti nei settori produttivi. Lo scenario di contrazione del Pil nel 2020 è uno scenario di consensus basato sulle valutazioni disponibili del Sistema Camerale e dei maggiori Istituti di ricerca nazionali. Le stime considerano uno scenario di progressiva uscita dalla crisi e di ripresa delle attività economiche entro il mese maggio e non tengono conto dei possibili effetti delle misure a sostegno dell'economia che saranno attivate a livello nazionale ed europeo, dal momento che sono ancora in via di definizione.

 

Continua..

Rinvio dei termini per la convocazione delle assemblee societarie chiamate ad approvare i bilanci 2019 - D.L. 17 marzo 2020 n. 18

Rinvio dei termini per la convocazione delle assemblee societarie chiamate ad approvare i bilanci 2019 Il decreto legge 17 marzo 2020 n. 18, in materia di contenimento della straordinaria emergenza sanitaria COVID-19, interviene sui termini di approvazione dei bilanci 2019 e sulle modalità di svolgimento delle assemblee societarie. Come emerge dalla relazione illustrativa, l’intervento del legislatore è finalizzato a consentire alle società di convocare l’assemblea ordinaria entro un termine più ampio rispetto a quello ordinario, nonché a facilitare lo svolgimento delle assemblee nel rispetto delle disposizioni volte a ridurre il rischio di contagio. In particolare l'art. 106 del decreto stabilisce che, in deroga a quanto previsto dall’art. 2364, comma 2, c.c. e dall’art. 2478-bis, è consentito a tutte le società di convocare l’assemblea ordinaria entro 180 giorni dalla chiusura dell’esercizio sociale. Le adunanze per l’approvazione dei bilanci 2019 potranno quindi essere convocate entro il 28 giugno 2020, prestando però attenzione al fatto che quest’anno tale data cade di domenica.

 

Il successivo art. 107 del medesimo decreto dispone altresì il differimento al 31 maggio dell'adozione dei rendiconti o dei bilanci di esercizio 2019 anche per le Aziende speciali, le Istituzioni e i Consorzi di enti locali, senza peraltro modificare il termine di deposito del documento economico al Registro delle imprese che, al momento, rimane confermato nel 31 maggio.l Il decreto interviene anche sul piano delle modalità di svolgimento delle assemblee, prevedendo alcune facilitazioni volte a ridurre i raggruppamenti di persone.   

Continua..

Borsa Merci - Sospensione dei servizi di assistenza telefonica

Per motivi tecnici, le centraline e linee telefoniche della sede camerale della Borsa Merci di Napoli non sono operative.

 

Pertanto, i principali servizi di assistenza telefonica erogati in voce dall'Ufficio Relazioni con il Pubblico - URP (081 7607712), dall'Ufficio Artigianato (081 7607507), dall'Albo Gestori Ambientali Sezione Campania (081 7607702sono temporaneamente sospesi fino al ripristino delle linee telefoniche.

 

Gli utenti possono contattare gli uffici via mail oppure a mezzo pec, utilizzando i recapiti di posta di elettronica ordinaria e certificata secondo il seguente prospetto:

 

UfficioPosta di elettronica ordinaria e certificata

Ufficio URP

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ufficio Artigianato

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Albo Gestori

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

ALBI e RUOLI

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

Scusandoci per l'inconveniente, alla ripresa dei servizi sarà dato apposito avviso.

 

Continua..

Attestazioni camerali su dichiarazioni delle imprese di sussistenza cause di forza maggiore per emergenza COVID-19

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha disposto che le Camere di Commercio possano rilasciare, su richiesta dell'impresa,  dichiarazioni in lingua inglese sullo stato di emergenza epidemiologica da COVID-19 e sulle restrizioni imposte dalla legge italiana per il contenimento dell'epidemia. 

 


Gli Uffici procederanno, quindi, a rilasciare la dichiarazione in lingua inglese qui allegata su specifica richiesta delle imprese,facendo  dichiarare alle medesime che le circostanze relative alla diffusione del COVID-19 e le restrizioni imposte per il contenimento dell'epidemia non hanno consentito l'assolvimento di obblighi contrattuali precedentemente assunti per motivi imprevedibili e indipendenti dalla volontà e capacità aziendale.

 

In merito ai diritti di segreteria applicabili si ricorda che ammontano a euro 3, come per i visti deposito.

 

Il visto deposito sull'attestazione del Covid 19 può essere ottenuta tramite invio telematico utilizzando la piattaforma Cert'o, come avviene per la procedura di rilascio telematico dei certificati di origine, previa registrazione sul sito : www.registroimprese,it - Area utenti

Continua..